Il gruppo di locomotive FS E.636 ha terminato la sua lunga carriera, dopo un servizio protrattosi per oltre 60 anni, a far data dal mese di Maggio 2006, quando anche le ultime unità superstiti sono state dismesse, facendo si che un’epoca si sia chiusa in maniera definitiva e lasciando un indelebile ricordo nei cuori di tutti coloro che hanno amato questa locomotiva, vera e propria pietra miliare nella storia della trazione ferroviaria italiana.

Questo sito è stato creato in veste di omaggio, rivolto ad un importante gruppo di locomotive elettriche, tra le più versatili e caratteristiche che in passato sono state in dotazione delle Ferrovie dello Stato italiane. Nonostante l’età vetusta ed una concezione dal punto di vista meccanico oramai estremamente datata, le locomotive FS E.636 hanno svolto per lunghi decenni i più svariati servizi in diverse parti della penisola italiana, contraddistinte da quell’affidabilità che andava a compensare le scarse prestazioni in termini di potenza erogata e di elasticità dei motori, a causa delle quali le FS E.636 negli ultimi anni di servizio sono state relegate allo svolgimento di compiti minori, soppiantate dagli inevitabili nuovi prodotti frutto dell’evoluzione del mondo tecnologico ferroviario, italiano ed internazionale.

In questo sito troverete notizie sulla storia, l’evoluzione, l’utilizzo, le modifiche, i dettagli tecnici e tutte quelle piccolezze che solo un grande appassionato può comprendere ed andare alla loro ricerca, senza accontentarsi di sommarie descrizioni che trascurano del tutto i particolari, insomma tutto quanto ha reso indimenticabile questa locomotiva che per anni ha sfrecciato in lungo ed in largo per la nostra penisola, costituendo un caposaldo del trasporto ferroviario italiano e facendo da battistrada per lo sviluppo di nuovi modelli di locomotiva che sono stati (E.646/E.645, anche loro radiate da diversi anni) e tuttora vengono impiegati lungo l’intera rete ferroviaria italiana (E.656/E.655, in fase di accantonamento e demolizione).

Gli accantonamenti di queste unità, dapprima iniziati per la presenza di amianto, proseguivano inesorabilmente qualora la E.636 presentasse guasti elettrici e/o meccanici ritenuti troppo onerosi per una riparazione, o più semplicemente quando il rotabile scadeva di revisione oppure a seguito di incidenti, per cui la macchina veniva destinata ad essere svuotata dal suo contenuto (cannibalizzazione) allo scopo di ricavare ricambi utilizzabili per altre unità dello stesso gruppo o compatibili, per poi sostare su un binario in attesa che la fiamma ossidrica e le cesoie idrauliche facessero il resto. Questo fu l’inevitabile destino verso il quale le locomotive E.636 sono andate incontro, forti comunque di un’esperienza pluridecennale che le terrà per sempre nei cuori degli appassionati del trasporto ferroviario italiano di vecchio stile.

Tutti i diritti sono riservati, come da legge sul Diritto d’Autore n.518 del 1992 e successive modifiche.
Nessuna parte di questo sito potrà essere riprodotta e archiviata in sistemi server diversi da quelli voluti dall’autore.
E’ invece consentita la citazione del sito e/o di alcune sue pagine interne, senza preventiva autorizzazione, purché sia chiaramente identificabile il nome del dominio ufficiale (http://www.e636.it). Tutte le foto disponibili in questo sito appartengono ai rispettivi autori, indicati da nome e cognome, e non possono essere utilizzate senza il consenso degli stessi per scopi diversi dall’utilizzo a titolo personale. Inoltre tutte le foto nelle quali nome e cognome del rispettivo autore non fossero indicati, provengono da invii di materiale effettuato da terzi, senza alcuna indicazione circa la paternità e/o l’origine e quindi senza alcuna possibilità di riscontro da parte del webmaster, il quale provvederà all’immediata rimozione qualora gli autori che si sentissero in qualche modo defraudati richiedano la cancellazione della foto.

La costruzione di questo sito è iniziata il 29 Dicembre 2004.